SERVIZIO FORMAZIONE, PROMOZIONE E ATTIVITÀ CULTURALI

Il Servizio Formazione promuove l'incontro e il dialogo tra scuola e mondo produttivo

Il Servizio Formazione promuove l'incontro e il dialogo tra scuola e mondo produttivo, al fine di sostenere l’occupazione giovanile e garantire la disponibilità di risorse qualificate alle aziende conciarie attraverso iniziative di promozione, percorsi di formazione stilistica e programmi di istruzione tecnica.

 

Attività di promozione

Il Servizio Formazione promuove azioni dedicate alla valorizzazione della cultura legata alla tradizione italiana nella lavorazione del pellame, avvicinando i giovani alla realtà della conceria e alle possibilità di impiego che il settore offre, coltivando e arricchendo il legame strategico tra concerie e industria della moda.
  • Amici per la pelle
    Per avvicinare i più giovani al mondo della pelle, già a partire dalla scuola primaria, UNIC promuove dal 2012 il concorso nazionale “Amici per la Pelle”. Si tratta di un vero e proprio progetto didattico che coinvolge in ogni edizione oltre 1000 studenti da tutti i distretti conciari italiani per avvicinarli concretamente al mondo del lavoro e orientarli sulle future scelte di formazione. Partecipano al concorso gli studenti delle classi 2e e 3 e delle scuole medie dei 4 principali distretti conciari (Toscana, Veneto, Campania, Lombardia). Ogni anno gli studenti producono oggetti attinenti al tema assegnato, avendo cura di realizzarli rigorosamente in pelle. Una volta completati i lavori vengono esposti presso lo stand dedicato allestito per tutta la durata dell’edizione invernale di Lineapelle. La votazione delle opere avviene durante la fiera e online, sulla pagina Facebook UNIC (generando nei due giorni di condivisione oltre 200.000 interazioni.
  • Le belle Lettere della Pelle
    Il progetto, di recente iniziativa, è propedeutico al concorso “Amici per la Pelle” e mira ad avvicinare i ragazzi alla pelle fin dalle Scuole Primarie. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con le Istituzioni Scolastiche e le Amministrazioni locali di alcuni comuni dei distretti conciari di Toscana e Campania.
  • Pelle Made in Italy e contraffazione
    Il progetto si rivolge alle classi quarte e quinte delle scuole superiori di diversi indirizzi (liceo scientifico, amministrazione e marketing, moda, calzatura e abbigliamento) per un totale di circa 250 studenti coinvolti ogni anno. L’iniziativa punta a stimolare scelte di acquisto consapevoli, invitando a riflettere sulla complessità dei processi di trasformazione da materia prima a prodotto finito e le interazioni di tali processi con l’uomo, l’ambiente, i mercati. L’obiettivo è favorire un approccio di conoscenza multidisciplinare utile a far conoscere ai giovani la filiera dei manufatti in pelle con un approfondimento sul settore conciario, orientandoli così nella scelta dei loro percorsi di studio o impieghi futuri nelle aree giuridica, economica, chimica e stilistica promuovendo la conoscenza di un comparto industriale fortemente radicato sul territorio, orientato all’export e all’innovazione.
 

Formazione stilistica

Dedicati ai giovani designer e studenti delle più prestigiose scuole e istituti di moda, i progetti di formazione stilistica curati dal Servizio Formazione UNIC coinvolgono numerose istituzioni in altrettante iniziative:
  • LP Fashion Studio
    Il Servizio organizza presso l’innovativo show room Lineapelle lezioni e visite per accademie, scuole moda, istituti per la formazione professionale e delegazioni (nazionali ed estere) dedicate ai numerosi linguaggi creativi della moda pelle negli ultimi 30 anni. Lo spazio offre una panoramica internazionale sulle tendenze del passato e quelle del futuro e rappresenta una risorsa viva e unica al mondo per tutti i designer e i ricercatori dell'area pelle. Il progetto nasce per essere in continua evoluzione: si aggiorna e si modifica di pari passo con le tendenze delle stagioni, pur mantenendo solida la sua area "storica” e di archivio. L'intenzione è quella di creare uno scambio continuo fra la creatività degli stilisti e le loro sperimentazioni.
  • “Meet the future, Italian leather sustainability”
    In partnership con Accademia Costume e Moda di Roma e Gucci, il progetto supporta nuovi talenti creativi nello sviluppo della propria sensibilità verso il design del futuro. Sostenibilità, cultura del prodotto e sperimentazione sono i concetti chiave attorno ai quali gli studenti del III anno del Diploma Accademico di I Livello in Costume & Moda hanno lavorato per realizzare una capsule collection su un brief di Gucci, utilizzando esclusivamente i materiali forniti dalle concerie che aderiscono al manifesto sulla sostenibilità UNIC.
  • POLIMODA
    La conceria italiana ha attivato una sinergia in progress con Polimoda Firenze, una delle 10 fashion school più importanti al mondo (fonte: Business of Fashion). I percorsi di condivisione formativa si articolano in workshop stilistici in aula, visite in conceria e progetti di valorizzazione creativa della pelle. uno di questi si è svolto durante l’edizione di febbraio 2018 di Lineapelle.
    • Pictures & images at an exhibition”
    • Durante ineapelle94 gli studenti del secondo anno dei corsi in “Fashion Product Management” e “Fashion Art Direction” hanno realizzato una serie di scatti fotografici indagando una nuova rappresentazione dei prodotti e dello stile che caratterizzano l’unicità e l’importanza di Lineapelle. La fiera, i suoi spazi, il suo pubblico, sono stati filtrati attraverso lo sguardo degli studenti e re-interpretati alla luce della sensibilità fashion e di design della loro formazione. Gli scatti migliori sono stati pubblicati sul sito e sui canali social di Lineapelle, offrendo ai partecipanti l’opportunità di confrontarsi con un’importante realtà del settore, mettendo alla prova le proprie capacità e visione creativa.
  • IED Torino
    • “Sweetmeat box: la bomboniera diventa borsa in pelle”
      Si tratta di una collaborazione oramai consolidata, attiva dal 2014. Ogni anno gli studenti del corso di “Design del Gioiello e dell’Accessorio” si cimentano in un progetto ad hoc, che prevede la realizzazione di un prodotto in pelle. L’iniziativa punta a favorire la conoscenza del prodotto “pelle” e a sviluppare la capacità degli studenti di gestire in autonomia la progettazione di una collezione di accessori.
  • ITS Moda e Calzature di Fermo (Ascoli Piceno)
    A febbraio 2018, gli studenti dei corsi in “Marketing e Web Strategy” per “Internazionalizzazione nel settore moda”; “Stilista per calzature”; “Produzione, qualità ed innovazione nel sistema moda” sono stati ospitati presso Lineapelle94. Gli studenti hanno potuto visitare la fiera e assistere alla premiazione del concorso “Amici per la pelle”. Sono stati inoltre invitati alla presentazione delle tendenze moda Lineapelle per la stagione autunno/inverno 2019-2020 presso Fermo.
  • Stage
    UNIC ospita periodicamente in stage ragazzi provenienti da diversi istituti.
    • Attualmente è presente una studentessa del corso “Tecnico Superiore per il coordinamento dei processi di progettazione, comunicazione e marketing del prodotto moda”, previsto all’interno del biennio formativo promosso dalla fondazione Cosmo. Lo stage ha durata di 400 ore.
    • A partire da giugno, UNIC ospiterà 3 studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “B. Russell” di Garbagnate (MI) in alternanza scuola lavoro per un totale di 170 ore.
 

Formazione tecnica

Per sostenere la formazione continua del personale già operante nei diversi settori di destinazione d'uso della pelle (calzatura, pelletteria, interni auto e arredo, abbigliamento), il Servizio organizza periodicamente corsi rivolti a tutte le figure professionali (manager, tecnici, buyer, designer, responsabili e addetti vendita). I corsi possono essere interaziendali o su richiesta della singola azienda. Contenuti, durata e modalità di svolgimento degli stessi possono essere personalizzati per soddisfare esigenze specifiche di griffe, brand, aziende manifatturiere.
  • Politecnico del Made in Italy (Casarano, Lecce)
    Da fine maggio 2018, presso la loro sede, è in programma un corso di 6 ore sul processo produttivo conciario e gli effetti di rifinizione. Il corso si rivolge agli studenti dei corsi di “Modellistica industriale per Calzatura e Abbigliamento”. L’iniziativa si rivolge anche ai diplomati dello scorso anno, attualmente tirocinanti presso aziende della zona.
  • Fondazione COSMO
    UNIC è socio della fondazione ITS Cosmo di Padova, nata nel 2011, che da ormai 5 anni si occupa di promuovere, avviare e gestire corsi di specializzazione, biennali e post diploma, nel settore moda. I percorsi formativi sono finanziati da Regione, MIUR e dal Fondo Sociale Europeo.
  • Politecnico del Cuoio
    UNIC è partner sostanziale di questo progetto, che punta consolidare, sviluppare e divulgare la cultura tecnica della pelle e della conceria su tutto il territorio nazionale. L’obiettivo è strutturare una proposta formativa unitaria, condivisa e proposta in modo sinergico con le aziende. Il Politecnico del Cuoio è stato avviato nell’ottobre 2017 in Veneto, attraverso un corso di “Green Leather Manager” della durata di 2 anni l’ITS Galilei di Arzignano (1200 ore in aula e 800 ore di stage). A ottobre 2018 parte un modulo biennale (1.080 ore di attività didattica tra aula e laboratorio e 720 ore di tirocinio aziendale) anche a Solofra, presso l’ISISS Ronca, scuola superiore a indirizzo tecnico conciario.
  • IFTS
    I progetti IFTS sono corsi di specializzazione, rivolti ai giovani tra i 18-29 anni, creati con la finalità di incrementarne le possibilità occupazionali, anche attraverso la formazione in azienda (stage curriculari).
    • ISIS “Antonio Bernocchi “
      Corso in “Tecniche di industrializzazione del prodotto e del processo per il settore calzaturiero lombardo”. Abbiamo aderito al progetto IFTS che vede come capofila l’Istituto Statale di Istruzione Superiore “Antonio Bernocchi” di Legnano. Analoga la collaborazione al progetto con Acof.
    • Centrocot, Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.a.
      Corso in “Tecnico superiore per l’industrializzazione del prodotto e del processo nella filiera del tessile, della pelle e dei nuovi materiali. Terzo IFTS di collaborazione nel corso “Nuove tecnologie per il Made in Italy – Comparto Moda Calzatura”, 1000 ore di formazione totali (aula e stage). Al Servizio formazione spetta un totale di 16 ore di insegnamento di tecnologia conciaria (comprende anche visita a Lineapelle con descrizione dei materiali esposti nelle aree trend).
 

Attività culturali

  • La conceria di Pompei
    Il progetto è stato avviato nel gennaio 2008, con la stipula di una convenzione tra UNIC e la Soprintendenza di Napoli e Pompei. Obiettivo: il restauro di un complesso conciario (scoperto attorno al 1873) fra i più antichi del mondo che si trova all’interno degli Scavi di Pompei, presso Porta Stabia, nel quartiere dei teatri (Regione I, Insula 5). L'edificio comprendeva l'abitazione del gestore e gli ambienti destinati alle lavorazioni, come il porticato diviso in sei scompartimenti, separati da cinque tramezzi, in 3 dei quali è murata la conduttura che portava acque alle giare. Nella zona retrostante si trovano 15 vasche circolari in muratura, rivestite di cocciopesto, con foro di carico e scarico. Dodici di esse venivano usate per la concia al vegetale di pelli grandi e 3 per quella all'allume di rocca di pelli piccole. Sotto il portico centrale avveniva la prima fase del lavoro, lo scortico della pelle, poi seguita dall'immersione nei tini. Qui le pelli venivano trattate con il tannino. Al livello superiore del primo ambiente si pensa ci fosse uno stenditoio dove le pelli venivano stese ad asciugare. Sul fondo del cortile si trova un triclinio con una tavola centrale prima decorata da un famoso mosaico, ora conservato presso il Museo Archeologico di Napoli insieme a un gran numero di attrezzi conciari del tempo. A febbraio 2018, il progetto di restauro è entrato nella seconda fase, che prevede la messa in sicurezza del percorso che conduce alla conceria, la sua valorizzazione strutturale e l’allestimento di una sorta di museo a cielo aperto alla visita del pubblico.
  • Giuditta (1650/1660) di Nicola Régnier
    UNIC aderisce al progetto di nuovo mecenatismo Rivelazioni promosso da Finance for Fine Arts e sostenuto da Borsa Italiana. Lo fa adottando il restauro di Giuditta, olio su tela datato 1650/1660, attribuito a Nicola Régnier (Maubeuge, 1591 – Venezia 1667) e facente parte della collezione di Gallerie dell’Accademia di Venezia
  • Il Mantello di Pelle di Drago e La Magia della Pelle nelle Fiabe
    La pelle italiana, oggi più che mai, “c’è” e rappresenta una realtà industriale di eccellenza unica al mondo per qualità e creatività delle produzioni, sostenibilità di processi e prodotti, responsabilità sociale. È una realtà culturale a 360 gradi che, tra le varie attività avviate per comunicarsi, ne ha scelta una molto particolare. Il balletto. Promosso dalla fiera leader globale di settore, Lineapelle e da UNIC (Unione Nazionale Industriale Conciaria), Il Mantello di Pelle di Drago è una produzione realizzata insieme alla compagnia di Sabrina Brazzo, étoile internazionale e prima ballerina della Scala, e Andrea Volpintesta. Il progetto nasce da una pubblicazione edita da UNIC, La Magia della Pelle nelle Fiabe: distribuita nelle scuole elementari, raccoglie le più note favole che hanno la pelle come protagonista. Tre di esse (Pelle d’Orso, Gli Scarponi di Natale, Il Torneo) sono state portate sul palco, interpretate sulle musiche di Shostakovic, Poulenc, Bizet, Lizst, Kachaturian. Tutti i costumi sono stati confezionati con pelli provenienti da concerie italiane. Il balletto è andato in scena in Italia (a Milano, Bologna, Firenze, Vicenza) e all’estero (Londra, New York), raccogliendo un grande successo di pubblico. Soprattutto, dimostrando che la pelle italiana è un “partner” inedito ed esclusivo anche per la danza classica.
  • Nella mia città, storie di pelle
    UNIC promuove “Nella Mia Città 2018 – Cose Di Pelle”, concorso letterario giunto alla quinta edizione, riservato agli studenti delle scuole superiori di Arzignano (Vicenza) e che dall’edizione 2018 sarà esteso a tutti i distretti conciari italiani. Nato da un’idea dell’Associazione Culturale il Grifo e Il Leone in collaborazione con il Comune di Arzignano, Berica Editrice, il concorso propone ogni anno un tema legato alla pelle, da sviluppare in totale libertà creativa, offrendo ai ragazzi l’occasione di riflettere sia sul senso della scrittura che dell’industria più importanti dei territori in cui sono cresciuti.
/div>